Passa avanti
La Pasta Al Pesto Fa Ingrassare? Posso Mangiarla Quando Sono A Dieta?

La Pasta Al Pesto Fa Ingrassare? Posso Mangiarla Quando Sono A Dieta?

Il pesto è uno dei condimenti più gustosi della cucina ligure e che si possono trovare non solo a Genova, ma ormai in tutta Italia, addirittura anche all’estero. Il successo che questa salsa ha avuto ha portato tante persone a considerare la pasta al pesto come un caposaldo della cucina italiana, non molto lontano da altri must della nostra penisola come la pizza napoletana. Oltre che sulla pasta, la gustosa salsa verde si presta ad altri utilizzi, per esempio aggiunta sulla focaccia al formaggio di Recco. Ma la pasta al pesto fa ingrassare? Si può mangiare anche quando si è a dieta?

 

PASTA AL PESTO: UN PIATTO NON PROPRIO LEGGERISSIMO

La pasta al pesto non è esattamente un piatto leggero. Basta pensare alla composizione di questa salsa: basilico, parmigiano, pecorino, pinoli, aglio, olio extravergine di oliva e sale grosso. A rendere particolarmente pesante questa salsa sono i formaggi e l’olio extravergine di oliva. Sicuramente, non è una salsa che si può mangiare in totale libertà, ma con alcuni accorgimenti la si può tranquillamente introdurre nella propria dieta. Alla fine il pesto rimane sempre un simbolo della tradizione italiana ed è una salsa dove il basilico la fa da padrone assoluto. Rispetto a salse tipicamente junk food come la maionese, risulta sicuramente migliore dal punto di vista dietetico.

 

CONSIDERARE LA PASTA AL PESTO COME UN PIATTO UNICO

Le abitudini alimentari medie degli italiani prevedono l’aggiunta di un secondo dopo il primo piatto. Tuttavia la pasta al pesto risulta un pasto completo a sé: vi sono i carboidrati della pasta e le proteine date dal formaggio presente nella salsa. Di fatto, se si mangia la pasta al pesto esattamente come se fosse una pizza, ce la si può concedere senza spiacevoli conseguenze. Se ci si abbuffa anche di altri piatti, il conto della bilancia sarà sicuramente spietato.

 

PASTA AL PESTO OK… MA COSA INTENDI PER “PESTO”?

A parlare di pasta al pesto si fa… presto! In realtà un conto è il vero pesto genovese, fatto con determinati ingredienti. Un conto sono le imitazioni del prodotto originale vendute nei supermercati con la dicitura “pesto ALLA genovese”. Anacardi al posto dei pinoli, olio di girasole, a volte persino ingredienti e additivi che nulla hanno a che vedere con la ricetta tradizionale. Un prodotto sicuramente meno sano rispetto a quello originale, specie se arricchito di ingredienti aggiuntivi. Molto meglio concedersi una pasta al pesto in meno, ma quella volta che la si mangia, optare per un pesto di qualità. Il vero pesto genovese si può trovare in molti ristoranti tipici, al supermercato tra i prodotti di fascia alta o anche nei negozi a tema come gli spacci di Eataly (importante è sempre controllare le etichette). Ovviamente se si decide di preparare il pesto in casa, si va sempre sul sicuro.

 

INSERIRE LA PASTA AL PESTO IN UNA DIETA VARIA ED EQUILIBRATA

La pasta al pesto è un piatto completo e la si può tranquillamente mangiare a patto di non nutrirsi esclusivamente di questa. 1-2 volte la settimana ci può stare e risulta un piatto squisito e che non solo danneggia la nostra dieta, ma anzi la sposa in pieno. La gustosa salsa verde è nutriente e porta con sé tutto il buono del basilico fresco: nulla di deleterio, se consumato con moderazione. Quindi la pasta al pesto fa ingrassare? Dipende dalle quantità: abbinandoci inoltre uno stile di vita sano ed attivo, possiamo definitivamente mangiarla senza particolari timori.

Articolo precedente Formula 1 Herbalife

Lascia un commento

* Campi richiesti